Dott. Riccardo Angeletti

Disturbi dell'alimentazione

Disturbi del Comportamento Alimentare
I disturbi del comportamento alimentare (DCA) sono patologie caratterizzate da alterazione delle condotte alimentari e da eccessive preoccupazioni per il peso e per le forme corporee; insorgono durante l’adolescenza e pur colpendo ancora prevalentemente il sesso femminile, negli ultimi anni si è vista un aumentata incidenza nel sesso maschile.
Si distinguono in: anoressia nervosa, bulimia nervosa, disturbo da alimentazione incontrollata (BED) e obesità.
L’eziologia non è del tutto chiara, ma determinante è una complessa interazione di fattori genetici, personali e ambientali; Sono accompagnate da frequenti e importanti complicanze mediche e da un’elevata comorbilità psichiatrica.
Per quanto riguarda il trattamento, S.I.I.Pa.C fornisce una continua collaborazione tra Psicoterapeuti, Psichiatri ed i vari Specialisti dell’area medica.

Anoressia Nervosa
L’anoressia nervosa è una malattia caratterizzata dal rifiuto del cibo accompagnato da un’enorme paura di ingrassare, da una visione distorta del corpo e da una ricerca spasmodica della magrezza.
Si distinguono forme; quella restrittiva, in cui il dimagrimento e’ dovuto al digiuno accompagnato da un’intensa attività fisica, e l’anoressia non restrittiva, dove periodi di digiuno sono seguiti da abbuffate e successivamente dall’uso di vomito o farmaci (lassativi, diuretici, amfetamine) per diminuire il peso corporeo.
Nella maggioranza dei casi l’anoressia esordisce durante la pubertà, in rari casi dopo i 40 anni e prima della pubertà, e un ruolo importante e’ rivestito dai cambiamenti del proprio corpo e dai primi passi dentro il mondo della sessualità.
Inizia quasi sempre con una dieta, con una ricerca della magrezza, accompagnata da alcuni fattori individuali tra cui spiccano il perfezionismo e la bassa autostima e da un iperprotezione familiare.
La dieta ferrea caratteristica di questa malattia porta con se’ numerose conseguenze fisiche tra cui amenorrea ovvero assenza di cicli mestruali, stipsi e dolori addominali, astenia o iperenergia, ipotermia, ipotensione e secchezza cutanea.
Come S.I.I.Pa.C ci occupiamo inizialmente della gestione delle complicanze acute della malattia, collaborando con diversi Specialisti dell’area medica, successivamente si inizia un percorso di Psicoterapia articolati in 4 fasi: motivazione al cambiamento, normalizzazione del peso e cessazione dei meccanismi di controllo su di esso, miglioramento della valutazione di se’, della propria immagine corporea e delle relazioni interpersonali, mantenimento e prevenzione delle ricadute.

Bulimia Nervosa
La bulimia (fame da bue) è un disturbo alimentare caratterizzato dall’alternanza di periodo di digiuno e di abbuffate, cioè’ dall’ingestione di una quantità eccessiva di alimenti in un periodo di tempo molto breve.
Il terrore di ingrassare e l’insoddisfazione del proprio peso e del proprio corpo può portare all’attuazione di meccanismo di compenso quale l’esercizio fisico, il vomito autoindotto e l’assunzione di lassativi, diuretici, pillole dimagranti, aventi tutti come principale scopo quello di dimagrire, di alleviare stress ed ansai e di esercitare una sorta di controllo sul cibo.
Tutte queste azioni di solito sono spesso eseguite di nascosto e siccome rispetto all’anoressia l’aspetto corporeo è nella norma, risulta molto difficile capire se il paziente sia bulimico o meno.
Anche in questa patologia assistiamo ad una visione distorta del proprio corpo, che si manifesta con il pensiero di essere troppo grassi, con il timore di ingrassare e con la repulsione a volte anche l’odio per il proprio aspetto fisico.
Sbalzi d’umore, presenza di diversi momenti di tristezza e mancanza di voglia di uscire con gli amici si accompagnano molto frequentemente ai sintomi principali.
Come S.I.I.Pa.C. ci prendiamo cura della persona in toto e, l’unione di un percorso di Psicoterapia individuale con la collaborazione di medici e nutrizionisti, facilitano il ristabilire un rapporto sano con il cibo, con il proprio corpo e con le proprie emozioni.