Dott. Riccardo Angeletti

Disturbi del sonno

I disturbi del sonno si riferiscono all’impossibilità di ottenere un sonno sufficiente e ristoratore, della qualità e della quantità necessaria al benessere psicofisico dell’individuo. Chi soffre di insonnia, riferisce uno o più dei seguenti disturbi relativi al sonno: difficoltà all’addormentamento, difficoltà a mantenere il sonno, risvegli precoci al mattino ed un sonno cronicamente non ristoratore o di scarsa qualità.

Un riposo inadeguato, che si protrae nel tempo, incide sul tono dell’umore della persona e sulla sua capacità di reagire allo stress. L’irritabilità e il nervosismo che si aggiungono alla stanchezza, inoltre, rendono meno disponibili verso gli altri e possono compromettere la qualità delle relazioni familiari e sociali. Naturalmente anche le performance lavorative possono risultare danneggiate, spesso a causa delle difficoltà di concentrazione e memoria che si presentano . Per tutte queste ragioni, anche quando si presenta in modo occasionale, un disturbo del sonno non dovrebbe mai essere trascurato. Capita spesso che l’Insonnia sia presente come un segnale d’allarme per la persona, e sia quindi un sintomo della presenza di altre malattie fisiche o mentali da trattare in modo specifico oppure vi si aggiunge, peggiorandone ulteriormente i sintomi e, in alcuni casi, la prognosi.

I Disturbi del sonno si dividono in due gruppi principali, le dissonie (che incidono sulla quantità e\o qualità del sonno) e le parasonnie (eventi anomali o indesiderati che avvengono durante il sonno).